# Vita ecologica

Piante mediche da tenere in casa: quali le migliori per la qualità dell’aria e il nostro benessere

E se bastasse tenere in casa le piante giuste per salvaguardare il nostro benessere? Ecco quali piante d’appartamento hanno proprietà benefiche e possono diventare un prezioso alleato per la nostra salute.

L’ambiente domestico: non sempre salubre
Spesso si considera la propria casa come un luogo sicuro, nel quale trovare protezione e ristoro da fatiche e pericoli. Non sempre, però, le quattro mura possono difendere da qualsiasi aggressione alla nostra salute: nonostante le precauzioni, infatti, all’interno della propria abitazione possono annidarsi inquinamento, polveri pericolose e agenti chimici in grado di compromettere la qualità dell’aria che respiriamo e la nostra sicurezza. Il rischio? Quello di sviluppare forme di allergia, problemi respiratori o addirittura cefalee o altri sintomi di malessere che spesso non è facile ricondurre a una causa specifica. Questo disturbo è noto come “Sindrome dell’edificio malato” e richiama un insieme di numerosi mali legati al fenomeno dell’inquinamento di ambienti chiusi. Chi non è al corrente del problema o lo sottovaluta, infatti, si trova spesso a fare i conti con un malessere che non riesce a collegare a un preciso motivo.

Le piante come alleate del nostro benessere
Come spesso capita, la natura può offrire una efficace soluzione al diffuso problema dell’inquinamento di ambienti chiusi. Alcune piante, infatti, sono in grado di agire come veri e propri ”filtri”, capaci di purificare l’ambiente circostante e di migliorare la qualità dell’aria che respiriamo. Ma quali sono le piante da tenere sempre a portata di mano? La produzione di ossigeno durante le ore diurne è una conseguenza naturale – comune a tutte le piante verdi – del meccanismo di fotosintesi clorofilliana: qualsiasi pianta di appartamento è in grado, quindi, di migliorare l’aria che respiriamo. Alcuni vegetali, però, associano a questa straordinaria capacità anche altre forme di beneficio per la nostra salute.

lucky_bamboo_ng4L’Aloe, per esempio, è un arbusto dalle preziose capacità: è in grado di assorbire e distruggere alcune particelle dannose per l’uomo, come la formaldeide, il benzene e altri prodotti di scarto della combustione degli idrocarburi. Tenerla sempre vicina, inoltre, consentirà di beneficiare delle proprietà lenitive e curative delle sue foglie, da millenni note per gli innumerevoli utilizzi in campo medico e cosmetico. Chi vive in una zona particolarmente inquinata, per esempio nei pressi di una strada trafficata o in pieno centro cittadino, potrà adornare il propri balconi con piante in grado di ridurre la quantità di benzene presente nell’aria. L’edera inglese, la palma nana e il ficus benjamina, per esempio, sono in grado di assorbire le particelle nocive e restituirla ossigenata e purificata. Il bambù e il grazioso Spathiphyllum, noto per la bellezza dei suoi fiori dall’aspetto cerato, saranno invece perfetti per eliminare dall’aria il tricloroetilene, componente di numerosi solventi chimici di uso comune. Ma non è tutto: la citronella, i gerani e numerose piante aromatiche hanno la straordinaria capacità di tenere lontani gli insetti, contribuendo a rendere la nostra casa un ambiente più bello e più salubre.

Le piante: una scelta sicura ed efficace
La scelta delle piante d’appartamento come strumento di salute è una soluzione sicura e priva di effetti collaterali per l’ambiente e perfetta per la prevenzione di alcuni dei più comuni malanni. Gli esperti sostengono, infatti, che un’ambiente chiuso privo di piante d’appartamento abbia in media il 50% in più di spore, elementi chimici e batteri dannosi per la salute di una stanza che invece ospiti dei vegetali. La loro silenziosa presenza, piacevole allo sguardo, contribuisce quindi in modo sensibile a proteggere il nostro benessere. Per migliorare la qualità dell’aria che respiriamo e trasformare la nostra casa in un ambiente sicuro e accogliente, quindi, non resta che fare spazio alle piante mediche più efficaci per la salute: anche il pianeta ringrazierà.

Se pensate possa essere utile, CONDIVIDETE l’articolo con i vostri amici e contatti e, come sempre, se avete domande o volete maggiori informazioni potete lasciare un commento o scrivere un’e-mail a info@ecoradar.it

Ah, vi ricordo che iscrivendovi alla newsletter potete ricevere consigli e informazioni utilissimi legati all’ambiente e alla ecosostenibilità.