# Notizie ambientali

La città più sostenibile al mondo? Zurigo!

Sostenibilità nel mondo

La città più sostenibile al mondo? Zurigo! La città più grande della Svizzera si è piazzata sul primo gradino del podio della classifica delle metropoli più sostenibili al mondo, “Sustainable Cities Index“, ricerca condotta dalla società Arcadis.
La graduatoria è stata stilata prendendo in considerazione fattori di tipo ambientale, economico e sociale, valutando 100 delle maggiori città del mondo.

 

Zurigo: perché è stata nominata la città più sostenibile al mondo?

Il capoluogo dell’omonimo Cantone svizzero, Zurigo, è stato nominato come il più sostenibile al mondo. Questo punteggio gli è stato attribuito valutando diversi aspetti, nei quali la città svizzera pare abbia superato di gran lunga le altre metropoli del mondo. La classifica è stata stilata da Arcadis, società leader internazionale nel settore della consulenza, in collaborazione con il centro per le ricerche economiche “Center for economic and Business Research” (CEBR).
I parametri con i quali sono state valutate le diverse città sono essenzialmente tre: la qualità della vita degli abitanti, la salvaguardia dell’ambiente (presenza dei aree verdi urbane, fonti di energia rinnovabile, livelli di inquinamento ed emissioni) e l’economia della città (qualità della rete dei trasporti pubblici, crescita del Pil e condizioni delle imprese).
Zurigo vanta infatti un’economia molto avanzata e la cura dell’ambiente cittadino è molto scrupolosa. La città ha inoltre effettuato molti investimenti nel settore energetico, in particolar modo per quanto riguarda le fonti di energia rinnovabile e la riduzione dell’impatto delle industrie sull’ambiente.

 

La situazione dell’Italia

Nella classifica delle città più sostenibili al mondo, la prima città del Bel Paese che si incontra in classifica è Roma, al 22esimo posto. L’altra metropoli italiana che si assicura una posizione nella graduatoria è Milano che però si ferma alla 42esima posizione.
Perché le città italiane non sono riuscite a posizionarsi in alto nella classifica? Le emissioni di CO2 nell’atmosfera troppo elevate, la bassa qualità della vita degli abitanti e la poca la salute economica delle città ha influito sulla valutazione.
L’Italia, molto attiva nell’uso di fonti rinnovabili, è stata giudicata piuttosto bene per quanto riguarda la cura dell’ambiente, in quanto si è piazzata settima nella classifica dedicata a questo specifico parametro. Nella graduatoria dedicata alla qualità della vita, invece, Roma si posiziona al 33esimo posto, per merito soprattutto del turismo. Per quanto concerne la condizione economica della città, invece, è stata inserita al 49esimo posto.
L’ultima città italiana nella classifica è Milano, che invece si aggiudica al 36esimo posto per quanto riguarda la salvaguardia ambientale. In base al parametro che giudica la qualità della vita degli abitanti, la città è stata posizionata al 34esimo posto, mentre, nella graduatoria dedicata all’economia il capoluogo della Lombardia si piazza al 57esimo posto.

 

La graduatoria

Sul secondo gradino del podio, subito dopo il capoluogo della Svizzera, troviamo l’asiatica Singapore, seguita dalla capitale svedese Stoccolma.

Nel complesso, l’Europa è stata valutata molto bene: nella Top Ten, troviamo anche Vienna, Londra, Monaco, Francoforte, Amburgo e Praga. Ben 16 delle prime venti posizioni della classifica sono città del Vecchio Continente.
Gli Stati Uniti, invece, non sono riusciti ad aggiudicarsi neanche una posizione alta in classifica: New York, la prima città inserita parte degli States, si trova infatti solo alla 26esima posizione, mentre Boston, l’unica altra città statunitense essere stata inclusa, si trova al 34esimo posto.
Gli studi condotti da Arcadis riportano infatti che nelle città statunitensi le emissioni di CO2 siano troppo elevate e le aree verdi urbane siano poco salvaguardate. Ad incidere sulla votazione, anche l’alto tasso di criminalità delle città americane.

Se pensate possa essere utile, CONDIVIDETE l’articolo con i vostri amici e contatti e, come sempre, se avete domande o volete maggiori informazioni potete lasciare un commento o scrivere un’e-mail a info@ecoradar.it  .

Ah, vi ricordo che iscrivendovi alla newsletter potete ricevere consigli e informazioni utilissimi legati all’ambiente e alla ecosostenibilità.