# Notizie ambientali, Vita ecologica

Gli impianti di riscaldamento: impatto sull’ambiente

L’accensione degli impianti di riscaldamento sembra quasi un atto ovvio non appena arrivano le prime temperature fredde della stagione autunnale, eppure gli studiosi sono sempre più concordi sull’inquinamento atmosferico che comportano tali impianti, utilizzati quotidianamente nelle nostre case. Ecco allora quali sono le conseguenze che gli impianti di riscaldamento causano e i rimedi che potrebbero essere posti come soluzione al problema.

Le conseguenze sull’ambiente

Vi sono vari impianti di riscaldamento, se non la quasi totalità dei modelli installati in ciascuna casa, che comportano un’emissione di particelle nell’aria, che sono una dei maggiori indiziati per ciò che concerne il cosiddetto inquinamento atmosferico. Vi sono varie caratteristiche del proprio impianto di riscaldamento che devono essere tenute sotto controllo. Innanzitutto il livello di particolato che emettono nell’aria. Tale pulviscolo è dannoso per l’ambiente e inquinante. In secondo luogo, bisogna conoscere il livello di composti carboniosi che compongono ogni particella di particolato. Più è alto il livello di tali composti, più è inquinante il particolato emesso e, quindi, l’impianto. In terzo luogo, inoltre, come è facile intuire, più l’impianto è moderno, meno inquinamento produce, in quanto i nuovi impianti devono sottostare a determinate leggi e normative che impongono dei limiti massimi all’emissione nell’aria, sicuramente inferiori rispetto a quelli del passato.

Le conseguenze sulla salute dell’uomo

Il particolato e l’emissione di elementi dannosi nell’aria non comportano conseguenze negative solamente sull’ambiente, ma possono provocare degli effetti indesiderati anche sulla salute dell’uomo. Il particolato e il suo livello di carbonio, infatti, possono provocare, innanzitutto, un incremento della mortalità cellulare, nello specifico, a livello polmonare. Le medesime cellule, che resistono alla “morte”, possono però infiammarsi, provocando un incremento della probabilità di cancerogenicità polmonare. Dunque, l’adozione di un impianto di riscaldamento moderno, con particolari combustibili, non solo sono migliori per il rispetto dell’ambiente, ma anche perché possono salvare varie vite umane.

Gli impianti di riscaldamento moderni e combustibili ecologici

indexVi sono varie soluzioni al problema degli impianti di riscaldamento inquinanti, naturalmente non tutte le soluzioni risultano essere poco onerose. La caldaia a pellet, infatti, secondo vari studi effettuati negli ultimi anni, comporta un’emissione nell’aria di particolato assai inferiore rispetto agli impianti tradizionali e ai restanti impianti biocombustibili legnosi. Inoltre, tale particolato è composto per la maggior parte di sali minerali, e, quindi, di materiale inorganico. Inoltre il particolato delle caldaie a pellet è quasi totalmente privo di composti di carbonio e questa caratteristica riduce tantissimo il livello di inquinamento sia a livello ambientale sia rispetto alla salute dell’uomo.

Scegliere di installare una caldaia a pellet, significa anche scegliere di avere una qualità dell’aria migliore e un’inferiore tossicità sull’uomo, anche rispetto a quella che si otterrebbe con l’utilizzo di impianti di riscaldamento a gas naturale. Per questo la caldaia a pellet risulta essere la soluzione migliore offerta nel mercato.

L’Europa spinge per l’adozione di tale soluzione

Anche l’Europa attraverso l’emanazione di varie normative sta cercando di indurre i consumatori a scegliere l’installazione delle caldaie a pellet. Oltre ad un risparmio personale, anche considerando l’ultimo rincaro che ha avuto tale combustibile, infatti, il miglior risultato ottenuto da tali caldaie è a livello ambientale e sulla salute umana. Inoltre, se tutti adottassimo un impianto di riscaldamento a pellet, si giungerebbe agli obiettivi imposti tra i vari Paesi a livello ambientale attraverso i vari Protocolli, molto tempo prima di quanto stabilito. Per questo è utile cercare di giungere a soluzioni sempre più eco-sostenibili, ecologiche e, soprattutto, rispettose dell’ambiente e dell’uomo.

Se pensate possa essere utile, CONDIVIDETE l’articolo con i vostri amici e contatti e, come sempre, se avete domande o volete maggiori informazioni potete lasciare un commento o scrivere un’e-mail a info@ecoradar.it

Ah, vi ricordo che iscrivendovi alla newsletter potete ricevere consigli e informazioni utilissimi legati all’ambiente e alla ecosostenibilità.