# Vita ecologica

Elenco INCI: impara a leggere le etichette per scegliere i prodotti in base ai loro ingredienti

Il numero di persone a cui componenti all’apparenza innocui causano disturbi – magari per accumulo – è molto cresciuto negli ultimi anni; reazioni allergiche e fastidiose (o anche pericolose) dovute a contatto, inalazione o ingestione si possono verificare con numerose sostanze. Inoltre, nessuno é al sicuro dalla possibilità di sviluppare nel corso dell’esistenza un’eccessiva sensibilità ad alcuni componenti di cosmetici, detergenti e prodotti per il trucco. È quindi particolarmente importante imparare a leggere le etichette con l’elenco INCI degli ingredienti di ciò che si usa.

Perché è importante conoscere l’INCI dei cosmetici,l’elenco dei componenti

Per preservare la salute con scelte consapevoli, spingere i fabbricanti a migliorare la loro produzione e dare una mano all’ambiente allo stesso tempo, anche il consumatore deve essere autonomo e avere almeno una minima conoscenza di che cosa sono e come agiscono i componenti dei prodotti usati. I governi dell’EU e di molti stati al di fuori dell’Europa hanno reso obbligatoria l’indicazione degli ingredienti nei prodotti per igiene, sanità, trucco… Nato proprio allo scopo di proteggere la salute dei consumatori con allergie, “INCI” è un acronimo che significa “Nomenclatura Internazionale degli Ingredienti Cosmetici”, che in (pochi) casi differisce dalle definizioni usate in chimica ma che (di solito) non coincide affatto con il loro nome comune o quello a cui somigliano. Non ci sogneremmo di mangiare un prodotto che contenesse – ad esempio – un derivato del petrolio. Però spalmarlo sul viso è altrettanto pericoloso, perché la pelle é un organo permeabile; in questi casi leggere l’elenco INCI permette di evitare grossi rischi per la salute.

Come si legge l’INCI

Le aziende sono tenute ad indicare gli ingredienti con cui sono formulati i loro prodotti cosmetici elencandoli secondo la nomenclatura INCI, in ordine discendente di concentrazione utilizzata in percentuale, salvo per i componenti sotto l’1%, elencabili anche in maniera casuale. Trovare tabelle anche estremamente complete con la corrispondenza fra nome dell’ingrediente per l’INCI e per la nomenclatura chimica ufficiale é facile, ad esempio dalle pagine della Commissione Europea. Quanto ai componenti, anche i coloranti devono essere indicati e vengono classificati (salvo le tinture per capelli, a loro volta individuate secondo i loro ingredienti INCI) con l’indicazione dello standard internazionale C.I. o CI (Colour Index) seguita da un numero, un codice che identifica con esattezza forma chimica e produttore.

Usare l’INCI per scegliere prodotti biologici ed ecologici

Il vantaggio per chi – particolarmente sensibile ad un certo elemento – usa leggere attentamente l’INCI prima di comprare é ovvio. Però, persino chi non ha mai avuto problemi con componenti come il glicole propilenico (usato come tensioattivo per bagnoschiuma) potrebbe arrivare ad avere la pelle “saturata” dallo stesso ed iniziare a risentirne. inciInoltre, visto che si tratta di un tessuto che respira e ha scambi con l’interno del corpo, oltre ad un danno estetico si potrebbe verificare un ben più grave problema di salute, per esempio per gli organi in cui si concentrano le maggiori quantità di minerali. E se gli adulti possono ricevere un danno dall’uso di certi prodotti, questo é tanto più vero e potenzialmente pericoloso per i bambini. Allora conviene sfruttare la conoscenza degli elenchi INCI e selezionare cosmetici ecologici con ingredienti vegetali , meglio ancora se provenienti da coltivazione biologica, e questo per almeno due ottime ragioni:

1) le aziende verdi che coltivano con metodi naturali gli ingredienti per i loro prodotti contribuiscono a ridurre  fin quasi a zero i rischi per la salute;
2) scegliere biologico per noi stessi é automaticamente anche una scelta ecologica e di enorme impatto. Ogni giorno si usano un’infinità di creme, detergenti, deodoranti e questo per molti anni; però molti di più sono necessari per eliminare alcuni elementi chimici sia dall’organismo sia dalla terra, dall’acqua, dall’aria… La produzione con metodi biologici diminuisce di molto anche l’inquinamento ambientale e lo sfruttamento delle risorse naturali. cosmetici ecologicisMolte aziende green si impegnano anche in strategie collaterali per la riduzione del packaging e la razionalizzazione dei mezzi impiegati, diminuendo ulteriormente il loro impatto sull’ambiente. Quindi, i consumatori che acquistano tenendo presente l’importanza dell’INCI dei prodotti danno a loro volta una mano all’ecologia.

Se pensate possa essere utile, CONDIVIDETE l’articolo con i vostri amici e contatti e, come sempre, se avete domande o volete maggiori informazioni potete lasciare un commento o scrivere un’e-mail a info@ecoradar.it

Ah, vi ricordo che iscrivendovi alla newsletter potete ricevere consigli e informazioni utilissimi legati all’ambiente e alla ecosostenibilità.