# Prodotti e materiali

La Canapa Sativa per un tessuto “green”

Tra gli svariati utilizzi della Canapa Sativa, negli ultimi anni si può evidenziare la crescita della lavorazione della fibra nel settore tessile, che va a sostituire e a volte ad integrare i materiali più tradizionali come ad esempio il cotone o la lana.

Raccolta canapa sativa

L’impronta ecosostenibile della Canapa Sativa si espande quindi anche nell’abbigliamento e nella moda: a partire dalla lavorazione della fibra vengono realizzati capi di vestiario, borse e molti altri accessori.

Utilizzata già nel passato, la fibra di Canapa Sativa è molto più robusta e resistente al logorio di quella delle altre piante: veniva utilizzata per realizzare tende militari, calzature, abbigliamento da lavoro. Una nota storica descrive come grazie a questa fibra furono realizzati i primi pantaloni jeans, impiegati per lavorare dagli operai del porto di Genova e che poi successivamente vennero utilizzati dai  cowboys americani.

Quali sono i vantaggi della fibra di Canapa Sativa?

Oltre ad essere una pianta ecosostenibile, paragonandola per esempio al cotone, la fibra tessile della pianta della Canapa Sativa risulta essere più produttiva e molto più robusta e resistente.

Inoltre i tessuti realizzati con la fibra di canapa proteggono dai raggi UVA, grazie al maggior potere di dispersione del calore: per questo motivo, se indossati soprattutto in estate, mantengono il corpo fresco. In inverno invece, a differenza dei tessuti di lino, tengono caldo e sono naturalmente elastici.

Tra gli altri vantaggi dei tessuti in Canapa, da sottolineare il ridotto assorbimento degli odori, compresi quelli del corpo.

La  fibra di canapa possiede anche una sorta di micropotenza elettrica, grazie alla quale la pelle viene stimolata e la circolazione del sangue aiutata. E’ anallergica e inoltre è resistente ai vari nemici dei tessuti come gli acari, le muffe, le tarme e i funghi.

Come già evidenziato, la Canapa Sativa è una coltura a basso impatto ambientale, rispetto ad esempio al cotone, soprattutto perché è rinnovabile. E’ oltretutto una pianta che non richiede l’utilizzo di pesticidi (proprio come il cotone) e cresce in modo naturale arricchendo il terreno su cui vive.

Perché scegliere articoli fatti con la Canapa Sativa?

Abbiamo ormai compreso le enormi potenzialità di questa pianta, ma in pratica per cosa può essere utilizzata nel settore tessile oggi?

Canapa sativa fibra

L’abbigliamento è sicuramente l’ambito che sta rivelando un sempre più crescente utilizzo della fibra di canapa, come anche evidenziato da famosi testimonial “green” come Tessa Gelisio, nel suo post “Una scelta che cambia di sana pianta il guardaroba: per magliette, pantaloni, camicie, la canapa può facilmente sostituire materiali come il cotone o il lino.

Dalla Canapa Sativa possono essere realizzati anche accessori come cinture e borse di genere e utilizzo.

Borsa in canapa sativa

Grazie al continuo sviluppo del design ecosostenibile, si possono trovare sul mercato molti accessori pratici e resistenti in cui la canapa, da sola o combinata con altre fibre naturali,  ne rappresenta la materia prima.

Un aspetto di rilevante importanza ambientale è dato dal fine vita degli accessori realizzati con la fibra di canapa sativa: a differenza di molti materiali sintetici derivati dal petrolio, alla fine dell’utilizzo possono essere ricondotti nel ciclo ecologico, senza necessariamente essere destinati allo smaltimento in discarica.

Per concludere

Con questo post abbiamo ampliato le conoscenze della Canapa Sativa che, come abbiamo visto, può essere utilizzata anche nel settore tessile, senza perdere quelle caratteristiche di ecosostenibilità che abbiamo imparato a conoscere.

Se avete domande o volete maggiori informazioni potete lasciare un commento o scrivere un’email a info@ecoradar.it

Ah, vi ricordo che iscrivendovi alla newsletter potete ricevere consigli e informazioni utilissimi legati all’ambiente e alla ecosostenibilità.